29/10/2016

Autore: Vittoria Giannuzzi

Residenze esclusive, il punto sulle compravendite

Qual è lo stato di salute per il mercato delle residenze esclusive?

Una risposta prova a darla l’ultima analisi di Tirelli & Partners, che anche quest’anno ha incentrato la sua analisi sui mercati di Milano e Roma relativamente al primo semestre 2016.

La buona congiuntura è palese: i dati emersi sono i migliori visti negli ultimi sei anni e il mercato delle residenze di alto livello sta chiaramente vivendo un “nuovo inizio”. In particolare, il cosiddetto indice di assorbimento – vale a dire il rapporto tra metri quadrati compravenduti e metri quadrati offerti sul mercato – sale al suo livello massimo degli ultimi cinque anni, al 12,8%. Per intenderci, tre anni e mezzo fa era al 2,8%.

Per la prima volta dal 2010 calano sia i tempi medi di vendita (32,2 mesi, che arrivano a 23 mesi per gli immobili nuovi), sia quelli di giacenza dello stock di invenduto (30,3 mesi). I prezzi medi richiesti restano stabili (+0,3%) e, si legge nel report, non cresceranno a breve in maniera significativa – perlomeno non lo faranno fino a quando i tempi medi di vendita non scenderanno sotto ai tre mesi.  Salgono in misura più evidente i prezzi effettivamente pagati per gli immobili di pregio: +2,2%, segno che sono calati gli sconti applicati dai venditori (meno del 10%, record degli ultimi cinque anni).

Interessante notare quella che è una vera e propria spaccatura interna a questo segmento di mercato: se le case appena messe in vendita trovano un nuovo compratore nel giro di pochi mesi e con uno sconto che non supera quasi mai il 5%, sono ancora tante le abitazioni sul mercato da anni, che non cambiano proprietario a meno che non si sia disposti a ridurre il prezzo di vendita del 20-30%. Dietro questa discrepanza vi è una cattiva procedura nella valutazione degli immobili: in passato era prassi comune puntare ad una eccessiva valorizzazione di immobili che, invece, avevano bisogno di una maggiore obiettività nella definizione del loro valore di mercato.

Indietro